Image

Forecast positivo per la Russia

Approfondimento Agosto a cura di IC&Partners

La Russia, dopo aver attraversato un periodo particolare e difficile, sta dando segnali piuttosto chiari di uscire dalla crisi che aveva dominato la sua economia negli ultimi anni.

Il 2018 sara’ un anno molto importante per la Russia: ci saranno le elezioni presidenziali e ospiterà un evento internazionale: i mondiali di calcio.

Tutti sono concordi nel pensare che la ripresa, lenta o veloce, sia iniziata, ma che i tassi di crescita non saranno quelli degli anni passati.

I dati economici rilasciati negli ultimi tempi sono positivi: EBRD prospetta per il 2017 una crescita del PIL pari a 1,2%, mentre il Fondo Monetario Internazionale lo indica a 1,4%; le stesse agenzie poi hanno previsioni positive anche per i forecast del 2018.

Il prezzo del petrolio, indice fondamentale per la misurazione dell’econmia russa e del cambio del rublo, sta cercando di assestarsi in maniera stabile, anche grazie agli accordi del taglio della produzione del petrolio promossi dall’OPEC.

La classifica Doing Business in Russia elaborata dalla World Bank, che analizza 190 paesi, ha rivalutato la Russia, classificandola al 40esimo posto, in luogo del 51esimo attribuito nel 2016.

 

Forecast Russia-Mondo

Malgrado la situazione internazionale sia in costante in evoluzione, possiamo dare qualche indicazione sul futuro che aspetta la Russia dalla nostra posizione di spettatori presenti sul mercato da 13 anni.

  • Le sanzioni imposte principalmente da USA ed Europa sono attualmente ancora in vigore, e all’orizzonte non è chiaro se saranno rinnovate o meno.
  • I rapporti con la Turchia invece sono in una fase di normalizzazione, con il lifting delle sanzioni reciproche, e l’inizio della costruzione del Turkysh Stream.
  • Il cavallo di battaglia intrapreso dal governo russo per spingere l’economia è l’import substitution, ovvero la sostituzione delle importazioni tramite la produzione in loco. Il governo ha definito una serie di regole e leggi a tutela di questo processo, in  maniera da incentivare lo sviluppo di produzioni locali. Si pensi che in alcuni settori le aziende pubbliche sono obbligate a comprare una parte di prodotti Made in Russia.
  • Le regioni russe si stanno promuovendo moltissimo, organizzando eventi di presentazioni e road show, utili al fine di poter mostrare il loro potenziale economico in termini di attrazione di investimenti, tramite la messa a disposizione di lotti di terreno, capannoni, infrastrutture, servizi e bacino di manodopera per la produzione in loco – ZES, Zone Economiche Speciali.  Uno dei settori che si sta sviluppando maggiormente con ivestimenti anche stranieri, è sicuramente       l’agricoltura, con investimenti sia di produzione (frutteti, etc) sia di trasformazione (produzione di formaggi, etc).

La Russia ha bisogno di prodotti e di know how e per questo vuole avere le aziende, anche straniere, sul suo territorio. Indubbiamente non è facile affrontare investimenti così elevati e complessi da gestire; ma tenersi aggiornato grazie a dei corsi e workshop di qualità e affidarsi a consulenti esperti presenti sul territorio, può essere la soluzione per gestire il piano di sviluppo dal business plan alla sua realizzazione.

 

 

Visualizza: Mobile